Documenti detrazione fiscaleSPESE PER INTERVENTI DI RECUPERO EDILIZIO (36%) E PER RISPARMIO ENERGETICO (55%)

Per usufruire delle detrazioni fiscali spettanti nel caso di sostenimento di spese per interventi di recupero edilizio (36%) e per risparmio energetico (55%) occorre esibire al CAF o al professionista che redige la dichiarazione dei redditi (sia mod. 730 che mod. Unico) la documentazione comprovante le spese sostenute.

detrazione 36% spese per recupero patrimonio edilizio

In caso di interventi di recupero edilizio, per i quali si ha diritto alla detrazione del 36% delle spese sostenute, occorre consegnare al CAF o al Commercialista la seguente documentazione:

–     se l’inizio dei lavori oggetto di agevolazione è avvenuto prima del 13.05.2011, occorre esibire la comunicazione di inizio dei lavori effettuata al Centro Operativo di Pescara;

–     se invece i lavori sono iniziati successivamente al 14.05.2011, occorre consegnare le abilitazioni amministrative (DIA, SCIA o qualsiasi altra autorizzazione amministrativa necessaria per l’effettuazione dell’intervento), mentre se per l’intervento effettuato non è necessaria alcuna autorizzazione amministrativa occorre presentare una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà in cui sia indicata la data di inizio dei lavori ed attestata la circostanza che gli interventi di ristrutturazione edilizia posti in essere rientrano tra quelli agevolabili, pure se i medesimi non necessitano di alcun titolo abilitativo, ai sensi della normativa edilizia vigente.

–     per lavori iniziati successivamente al 14.05.2011, occorre fornire i dati catastali dell’immobile oggetto dell’intervento;

–     fatture relative all’intervento oggetto di agevolazione e relative ricevute dei bonifici bancari predisposti per il pagamento delle predette fatture;

–     nel caso in cui i lavori siano stati effettuati dal detentore e non dal proprietario, occorre consegnare copia dell’atto che ne costituisce titolo (ad esempio il contratto di affitto), sul quale devono essere riportati gli estremi di registrazione presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate;

–     nel caso di interventi condominiali, occorre esibire la certificazione rilasciata dall’Amministratore sulla quale è attestata la quota di spese imputabile al condomino.

detrazione 55% spese per risparmio energetico

In caso di spese sostenute per il risparmio energetico per i quali si ha diritto alla detrazione del 55% delle spese sostenute, occorre consegnare al CAF o al Commercialista la seguente documentazione:

–     ricevuta attestante l’avvenuto invio telematico della pratica all’ENEA;

–     certificato di asseverazione redatto dal tecnico abilitato che, in caso di sostituzione finestre e infissi in singole unità immobiliari, può essere sostituito da una certificazione dei produttori;

–     attestato di certificazione (o qualificazione) energetica, non necessario in caso di sostituzione di finestre e infissi;

-     dichiarazione di completamento lavori sottoscritta dal responsabile dell’intervento;

–     fatture relative all’intervento oggetto di agevolazione e relative ricevute dei bonifici bancari predisposti per il pagamento delle predette fatture;

–     nel caso in cui i lavori siano stati effettuati dal detentore e non dal proprietario, occorre consegnare copia dell’atto che ne costituisce titolo (ad esempio il contratto di affitto), sul quale devono essere riportati gli estremi di registrazione presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate;

–     nel caso di interventi condominiali, occorre esibire la certificazione rilasciata dall’Amministratore sulla quale è attestata la quota di spese imputabile al condomino.

Commercialista Davide Vallino

Le informazioni, anche fiscali, sopra riportate non costituiscono mai parere e/o consulenza fiscale ed il materiale e le informazioni fornite sono state elaborate a solo scopo informativo e culturale oltre che come servizio per gli utenti e la collettività. Nella continua evoluzione e proliferazione della normativa, anche fiscale, nessuna garanzia può dare regruppo.com circa l’esattezza, la completezza, o l’adeguatezza delle informazioni contenute o comunque collegate a regruppo.com tramite link esterni, né può essere assicurato che le informazioni ivi fornite possono riflettere gli sviluppi normativi e giurisprudenziali correnti. Quindi, del materiale giuridico nel presente sito, benché venga elaborato con la massima cura e diligenza possibile, facendo ricorso a fonti la cui attendibilità è costantemente e scrupolosamente vagliata, al fine di fornire in ogni situazione servizi che per qualità e affidabilità siano all’altezza delle aspettative degli utenti, regruppo.com non assume alcuna specifica responsabilità in merito all’effettiva correttezza dei dati raccolti, né assume alcun impegno riguardo all’aggiornamento dei documenti inclusi nel sito web. Di conseguenza, in nessun caso regruppo.com e le sue fonti informative saranno responsabili per gli eventuali danni, inclusi, senza limitazione alcuna, quelli per perdita o mancato guadagno ed ogni altra categoria di nocumento economico e non a chiunque derivanti dall’utilizzo di informazioni acquisite presso il presente sito web. Nulla di quanto fornito in regruppo.com può essere quindi usato e/o considerato come sostituto del consiglio di un professionista competente in materia.